Connect with us logo La Voce del Trentino

Volley

Mondiale per Club, a Betim scatta l’edizione 2022. Trentino Itas in campo fra l’8 e 9 dicembre per le due partite della Pool B

Pubblicato

il

Prende il via oggi, mercoledì 7 dicembre, l’edizione 2022 del Mondiale per Club, che anche in questa occasione si svolgerà a Betim, in Brasile. Trentino Volley (con la denominazione ufficiale di Trentino Itas che verrà adottata per tutta la manifestazione) sarà protagonista per la decima volta nella propria storia del torneo iridato, inserita nella Pool B (fase a gironi).

La formazione gialloblù disputerà le due partite della prima fase giovedì 8 dicembre alle ore 22 italiane (contro gli iraniani del Paykan Teheran) e venerdì 9 dicembre alle ore 22.15 italiane (contro i padroni di casa dell’Itambé Minas). Entrambe verranno trasmesse in diretta da Sky Sport Arena e in live streaming sulla piattaforma OTT Volleyball World Tv.

LA FORMULA DI GIOCO Il Mondiale per Club 2022 si articola su una prima fase a gironi ed una successiva Final Four. Nella prima fase le sei squadre partecipanti sono divise in due Pool; nel girone A sono state sorteggiate Perugia e le due brasiliane Sada Cruzeiro e Volei Renata, mentre nel raggruppamento B sono state inserite Trentino Itas, Paykan Teheran (Iran) e Itambé Minas (Brasile). Si qualificano alle semifinali le prime due classificate di ogni girone. 
IL PROGRAMMA COMPLETO (orari italiani) Mercoledì 7 dicembre: ore 22.00 Itambé Minas-Paykan Club. Giovedì 8 dicembre: ore 1.00 Sada Cruzeiro-Vôlei Renata, ore 22.00 Trentino Itas-Paykan Club. Venerdì 9 dicembre: ore 1.00 Vôlei Renata-Sir Safety Susa Perugia, ore 22.15 Itambe Minas-Trentino Itas. Sabato 10 dicembre: ore 1.15 Sada Cruzeiro-Sir Safety Susa Perugia, ore 22.15: prima semifinale. Domenica 11 dicembre: ore 1.15: seconda semifinale, ore 17.00: Finale per il terzo posto, ore 20.00: Finale per il titolo Mondiale 2022.

QUI TRENTINO ITAS La formazione gialloblù si presenta priva solo di Cavuto (comunque a referto, ma non utilizzabile causa infortunio agli addominali rimediato un paio di settimane fa) per il secondo impegno internazionale della sua stagione e lo fa dopo aver perfettamente smaltito negli ultimi giorni il cambio di fuso orario e la stanchezza derivata da un viaggio durato, fra lunedì e martedì, quasi ventiquattrore per arrivare in Brasile.

“Da sempre il Mondiale per Club è una manifestazione a cui Trentino Volley tiene particolarmente e che buona parte di questo gruppo conosce già per averlo disputato almeno una volta – ha sottolineato l’allenatore Angelo Lorenzetti presentando l’appuntamento – . Cercheremo di fare il massimo per ottenere un altro risultato di prestigio e livello; il primo obiettivo deve essere quello di qualificarsi alle semifinali, traguardo non scontato perché il lotto delle partecipanti di questa edizione è ancora più agguerrito del passato. Siamo qui per dire la nostra”.

Nelle nove precedenti partecipazioni al Mondiale per Club, il debutto è stato positivo in ben otto casi; l’unico ricordo negativo risale all’edizione 2014 (sconfitta per 0-3 con l’Al-Rayan). I precedenti favorevoli sono invece relativi al 3-1 allo Zamalek nell’edizione 2009, 3-0 alla Dinamo Mosca in quella 2010, 3-0 all’Al Ahly nel 2011, 3-2 all’Al-Rayyan nel 2012, 3-1 al Kalleh nel 2013, 3-0 al Minas Tenis Clube nel 2016, 3-0 all’Ardakan nel 2018, 3-0 al Foolad nel 2021.

Fra i gialloblù sono cinque i giocatori al debutto nella rassegna iridata per Club: Džavoronok, Pace, Berger, Depalma e Laurenzano. Capitan Kaziyski è invece quello che ne ha disputate di più: 6, con quattro vittorie tutte gialloblù (fra il 2009 e 2012); Cavuto, Lisinac e Nelli sono gli altri atleti a poter vantare un successo (nel 2018). 

LA STORIA DI TRENTINO VOLLEY NELLE COMPETIZIONI INTERNAZIONALI Quella che si apre giovedì in Brasile è la decima avventura assoluta nel Mondiale per Club di Trentino Volley, che in questa competizione può vantare già cinque affermazioni (quella ottenuta l’8 novembre 2009, quella del 21 dicembre 2010, quella del 14 ottobre 2011, quella del 19 ottobre 2012 – tutte a Doha – e quella del 2 dicembre 2018 a Czestochowa) e tre terzi posti (tutti a Betim: 2013, 2016 e 2021) con un ruolino di marcia invidiabile, composto da trentasei vittorie in quarantadue incontri complessivamente giocati.

Solo nell’edizione 2014 (chiusa al quinto posto) Trento non è salita sul podio. Il Mondiale per Club 2022 è la ventitreesima manifestazione extranazionale della storia della Società di via Trener: nel totale vanno conteggiate anche le dodici partecipazioni alla stessa Champions League (vinta tre volte fra il 2009 e 2011), la doppia esperienza europea della stagione 2004/05, prima in Top Teams Cup (dove venne eliminata dagli olandesi dell’Ortec Nesselande Rotterdam nella fase preliminare giocata al PalaTrento) e in Coppa CEV, dove venne estromessa per mano dei turchi dell’Halbank Ankara, quelle del 2015/16, 2016/17 (secondo posto dietro Mosca e dietro il Tours) e 2018/19 (vittoria finale) sempre in CEV Cup. In totale le partite giocate in manifestazioni internazionali dalla Trentino Volley sono 200, di cui 161 vinte e 39 perse. 

PRIMO AVVERSARIO: PAYKAN TEHERAN (8 dicembre, ore 22) La squadra della capitale dell’Iran, fondata nel 1967 come sezione della polisportiva del Paykan Teheran Sports Club (che comprende altri rami come calcio e basket), è una delle più prestigiose dell’intero panorama pallavolistico asiatico; a confermarlo, ci sono le tante vittorie internazionali (recenti e non) ottenute nel corso della sua storia. Il palmares può contare infatti su otto Champions League asiatiche (l’ultima conquistata lo scorso maggio grazie al 3-2 in finale sui giapponesi del Sunbirds) e su dodici titoli nazionali (l’ultimo nel 2015). Questa sarà la sua quarta partecipazione alla rassegna iridata, in cui ha già collezionato un terzo posto (nel 2010, quando il torneo si svolse a Doha) e due quarti posti (2009 e 1015).

Con Trentino Volley vanta due precedenti ufficiali, riferiti proprio alle prime due esperienze vissute in Qatar per il Mondiale per Club: 7 novembre 2009 e 20 dicembre 2010. In entrambi i casi vittoria gialloblù in tre set in gare valevoli per la semifinale della competizione. Gli elementi di spicco del sestetto allenato da Peyman Akbari (già tecnico dell’Iran) saranno l’opposto della nazionale iraniana Esmaeilnezhad, gli schiacciatori Zarini (giocatore storico del club, già presente nelle precedenti edizioni del Mondiale) e Fayazi (ex Kalleh) ed il centrale Tashakori. La rosa: 1. Reza Sarlak Amir (c), 2. Amirhossein Saberi Joshaghani (p), 5. L. Mohammad Fallah Zarchoub (c), 7. Hamzeh Zarini (s), 8. Mohammadreza Hazratpourtalatappeh (l), 9. Ali Shafiei (c), 10. Amin Esmaeilnezhad (o), 11. Armin Afshin Far (s), 13. Reza Mashhadi Seyed Mohammad (s), 14. Reza Aslani (l), 16. Armin Tashakkori (c), 17. D. Purya Fayazi (s), 18. Taher Vadi Mohammad (p), 20. Reza Rezaei Topragh Ghale. All. Akbari Peyman.

SECONDO AVVERSARIO: ITAMBE’ MINAS (9 dicembre, ore 22.15) Società di Belo Horizonte, è fra le principali polisportive del paese, potendo vantare rami ottimamente sviluppati non solo nel volley (maschile e femminile) ma anche in sport come pallacanestro, calcio a 5, nuoto, judo e tennis. Il settore pallavolistico rimane comunque fra i più importanti, tenendo conto che il Minas svolge attività (maschile e femminile) ad alto livello in questa disciplina dagli anni Settanta.

La sua squadra è una delle poche ad aver sempre preso parte alla SuperLiga brasiliana maschile dal momento della nascita del campionato (stagione 1994/95). In bacheca può contare ben 7 titoli nazionali (solo il Sada ne ha vinti tanti), ma l’ultimo successo risale al torneo 2006/07, quando poi hanno iniziato a dominare la scena squadre di San Paolo, Rio de Janeiro e proprio i cugini del Sada Cruzeiro (vincitore dell’ultimo titolo, superando in finale il Minas ed inserita nella Pool A del Mondiale per Club).

A livello internazionale può vantare la vittoria in due campionati sudamericani consecutivi (1984 e 1985); proprio in questa competizione nell’ultima edizione si è classificato secondo sempre dietro al Sada, guadagnando però in questo modo la qualificazione alla rassegna iridata. Le individualità di maggior spicco dell’attuale rosa, allenata dal tecnico Nery Tambeiro, sono l’esperto palleggiatore Wilian Arjona (che ha spesso vestito la maglia della Selecao brasiliana), lo schiacciatore Honorato ma soprattutto l’opposto Leandro Vissotto, ex di turno per aver vestito la maglia di Trentino Volley fra il 2008 e 2010 (90 presenze e 1.362 punti in gialloblù), vincendo due Champions League, un Mondiale per Club e una Coppa Italia.

In archivio vi è già un precedente ufficiale: 19 ottobre 2016 vittoria per 3-0 dell’allora Trentino Diatec in una partita simile a quella che si giocherà venerdì. La rosa: 1. Luis Elian Estrada Mazorra (s), 3. Geovani De Camargo Souza Kelvi (c), 4. Rhendrick Resley Rosa (p), 6. Paulo Vinicios Ferreira da Silva (s), 7. William Arjona (p), 8. Leandro Neves Vissotto (o), 10. Matheus Bispo dos Santo (c), 11. Henrique Ferreira Meireles Guimaraes (s), 14. Edson Junio Souza da Paixao (c), 15. Reis Nascimento Maique, 17. André Henrique Goncalves Saliba (o), 18. Henrique Dantas Nobrega Honorato (s), 19. Arthur Bento Buczmiejuk (s), 20. Marcus Vinicius Evangelista Coelho (s). All. Junior Nery Pereira Tambeiro.

GLI ARBITRI La Fivb ha ufficializzato la rosa dei sei arbitri chiamati a dirigere le operazioni del gioco, senza però rendere note le designazioni delle singole partite. L’elenco comprende il brasiliano Anderson Cacador, il dominicano Denny Francisco Cespedes Lassi, il peruviano Walter Hugo Vera Mechan, l’uruguaiano Denis Fabian Carbajal Mozzo, il portoricano Hector Ortiz e il messicano Luis Gerardo Macias. Questi ultimi due sono gli unici che erano stati designati anche nella precedente edizione.

Archivi

Categorie

di Tendenza