Connect with us logo La Voce del Trentino

Motori

Riccardo Rigo inarrestabile al Master Show – Terra dei Piloti

Pubblicato

il

immagine a cura di Sandro Naccari - Riccardo Rigo Ufficio Stampa

Cambia la tipologia dell’evento ma non il risultato ed infatti anche la seconda edizione del Master Show – Terra dei Piloti, corso nel weekend quale terza prova del Trofeo N5 Italia, ha confermato in Riccardo Rigo il vero uomo da battere.

Presentatosi a Talacchio da leader indiscusso, sia della serie maggiore che del Trofeo Open N5 grazie alle due vittorie firmate al Sanremo ed all’Adriatico, il pilota di Borgo Valsugana ha portato a casa una tripletta che gli permette di dare un’importante spallata alla concorrenza.

Pubblicità
Pubblicità

Rispolverando una formula che aveva reso celebre il Memorial Bettega, nei tanti anni di successi all’interno del Motorshow di Bologna, la sfida si apriva al Sabato con le qualifiche e con una prima batteria che vedeva il portacolori della Scuderia Malatesta già particolarmente in forma, perfettamente assecondato dalla sua Citroen DS3 N5 curata da Power Brothers.

Alla Domenica mattina la fame del trentino non accennava a diminuire ed in sequenza arrivavano anche i successi, negli scontri diretti, sia in gara 2 che in gara 3, collocandolo in vetta al proprio girone con un invidiabile percorso netto, unico a vincere sei manche su sei.

A dire il vero questa tipologia di gare non l’ho mai digerita bene” – racconta Rigo – “ma devo dire che, in questo fine settimana, tutto è partito con il giusto ritmo, già dalle qualifiche. Grazie al lavoro svolto dai fratelli Colonna, alias Power Brothers, la Citroen DS3 N5 girava alla perfezione. Abbiamo vinto tutti gli scontri diretti che abbiamo affrontato e siamo stati gli unici a riuscire a portare a casa, con costanza, il successo, ottenendo la vittoria del nostro girone.”

Definito lo scacchiere delle semifinali Rigo si trovava ad incrociare la propria strada con Roberto Camporese, quest’ultimo compagno di team in casa Power Brothers.

Il doppio testa a testa non lasciava scampo all’avversario ed il pilota della vettura del double chevron, vincendo entrambe le manche, staccava il pass per la finale di giornata.

Pubblicità
Pubblicità

La sfida più attesa vedeva di fronte il leader di campionato opposto al tricolore terra 2013, Luigi Ricci, ma anche in questo caso, dopo un’agguerrita lotta sul filo dei centesimi, a prevalere era ancora un Rigo avviato a festeggiare il terzo successo consecutivo in questa stagione 2022.

Un risultato che gli consente di attendere il ritorno alla sua amata terra, quella del prossimo San Marino prevista per inizio Luglio, con un’altra cospicua iniezione di punti per la leadership.

Anche in semifinale siamo andati molto bene” – aggiunge Rigo – “ed abbiamo battuto Camporese, compagno di team. In finale abbiamo trovato Ricci, un pilota che non ha bisogno di presentazioni avendo vinto il tricolore terra nel 2013. Abbiamo avuto un’ottima strategia nella gestione delle gomme, riuscendo ad arrivare in finale con un treno nuovo che ci ha permesso di battagliare, al centesimo di secondo, e di portare a casa la terza vittoria consecutiva nel Trofeo N5 Italia. Grazie alla Scuderia Malatesta, ai fratelli Colonna ed a tutti i loro meccanici. Un grazie particolare a mio figlio Jacopo che mi è stato sempre accanto, dalla prima manche.”

Archivi

Categorie

di Tendenza