Connect with us logo La Voce del Trentino

Nuoto

Mondiali. Verani campione del mondo della 25 km

Pubblicato

il

Inaspettato, sudato, lottato. Conquistato con cuore, voglia, grinta, con passo sicuro e sprint clamoroso. Dario Verani vince il titolo mondiale della 25 chilometri ed entra nella leggenda del nuoto di gran fondo vincendo la maratona delle acque libere, peraltro ultima prova iridata nel Lupa Lake di Budapest.

Il ventisettenne di Cecina, allenato da Fabrizio Antonelli per l’Esercito, si impone in 5h02’21″5. Lo scalpo è quello d’autore: battuto il superfavorito francese Axel Reymond. Il parigino ventottenne, già bicampione mondiale in carica e campione europeo, ha condotto per 24.5 km nuotando da padrone. Poi nel cono finale la magia dell’azzurro, lo scorso anno bronzo europeo nella 5 km, che lo passa a velocità doppia e tocca primo con il transalpino a +1″2 (5h02’22″7); terzo e staccato l’ungherese Peter Galicz (5h02’35″4). Purtroppo dopo una gara condotta sempre ai piedi del podio perde acqua nell’ultimo chilometro Matteo Furlan, che è settimo in 5h02’53″8. 

Verani conquista la sesta medaglia della spedizione azzurra (2 ori, 2 argenti e 2 bronzi) che batte per numero lo storico bottino raccolto a Fukuoka 2001 dove ci furono però tre ori (Viola Valli nella 5 e 10 km e Luca Baldini nella 5km) e quello di Budapest 2017 sempre con 5 medaglie senza ori però. 
Italia campione del mondo nella classifica per nazioni. L’anno scorso campione d’Europa. Stesso lago, stessa gloria.

Verani tocca la piastra e urla
, due volte, di gioia, di liberazione. Poi scuote con una manata l’acqua tornata placida dopo la schiuma di bracciate, sudore e vasellina. “Sei stato bravissimo; eri troppo veloce per me. Complimenti”, gli dice sportivamente Reymond. 

E’ un urlo mood indirizzato all’allenatore Fabrizio Antonelli, che lo ha forgiato portandolo al Centro Federale di Ostia per modellare un buon nuotatore da 5 km in un supercampione da maratona; a Gregorio Paltrinieri cui aveva confidato di voler esplorare questa distanza ricevendo incoraggiamenti e condivisione; per scacciare tutta la fatica e l’inquietudine di questa stagione a tratti persa per problemi alla spalla che ne avevano condizionato risultati e preparazione

“Sono al settimo cielo perché è uscita la gara che avrei voluto fare – racconta Verani – Sono rimasto ai piedi del favorito francese e sapevo di avere qualcosa in più negli ultimi cento metri – continua l’azzurro che è riuscito anche a conciliare lo studio e lo sport fino alla laurea in economia raggiunta lo scorso aprile all’Università di Pisa – Questo è un sogno che si realizza, molto più grande del bronzo europeo nella 5 chilometri. In pochi ci credevano alla vigilia, ma io lo sapevo”.

Pubblicità
Pubblicità

“Questo oro è per la mia famiglia, per il centro sportivo Esercito e in particolare per il mio allenatore Fabrizio Antonelli. Questa gara ti prova fisicamente, mentalmente, anche moralmente. Adesso sto vivendo in una bolla di leggerezza. Questa medaglia è una liberazione” sottolinea l’azzurro che divide gli allenamenti con il campione di tutto Gregorio Paltrinieri e il vice campione del mondo Domenico Acerenza.

Dopo una gara tutta fatica e testa Matteo Furlan racconta la sofferenza per essere scivolato lontano dalle prime posizioni nell’ultimo tratto. “Sono deluso; avevo lavorato parecchio perché ci credevamo. Volevamo lottare per una medaglia che non avevo preso nel 2019 – commenta il trentatreenne friulano di San Vito al Tagliamento, preparato da Moreno Daga per Marina Militare e Team Veneto, già bronzo a Kazan 2015 e Budapest 2017, nonché argento europeo in carica dietro al francese Reymond – Complimenti a Dario che ha vinto da dominatore. Io spero di rilanciarmi per gli europei di Ostia e di migliorare questa posizione lì dove ci saranno tutti i più forti come in questa gara”.

Epilogo al fotofinish anche nella maratona femminile. Purtroppo quarta Barbara Pozzobon. La ventinovenne di Maserada sul Piave, che nuota per Fiamme Oro e Hydros Oderzo, paga lo sprint, schiacciata dall’esperienza delle medagliate.

Si impone, manco a dirlo, la brasiliana Ana Marcela Cunha in 5h24’15″0 dopo una gara sempre nelle prime posizioni. L’olimpionica trentenne di Salvador – rappresentante dell’orgoglio omosessuale e fidanzata con Maria Clara Fontoura, che festeggia col saluto militare sul podio – è al settimo titolo mondiale.

All’arrivo precede la tedesca campionessa europea Lea Boy (5h24’15″2) e l’olandese campionessa della dieci chilometri, già olimpionica, Sharon Van Rouwendaal in 5h24’15″3. L’azzurra, allenata da Antonelli, chiude a +1″3 (5h24’16″03).

“Penso di aver disputato una bella gara. L’impotante era provarci; restare attaccata a queste grandi campionesse – commenta Pozzobon, che esordì nel 2017 vincendo il Rio Coronda, 57 km nelle acque limacciose del fiume argentino, e poi la Capri-Napoli nel 2018 – Essere arrivata in gruppo è un passo avanti. Ripartirò anche più determinata dopo questo quarto posto; c’è da migliorare la psicologia di approccio alla gara e lo sprint. Ci vediamo ad Ostia dove cercherò di esser protagonista anche nella 25 km continetale”

IL BILANCIO DEL RESPONSABILE TECNICO STEFANO RUBAUDO. “Il fondo è cambiato tanto negli ultimi 20 anni. Prima era più amatoriale, ora è tutto molto professionale soprattutto da quando la 10 chilometri è stata inserita nel programma olimpico. Tutti i successi conseguiti negli anni, ciclicamente e con atleti diversi, hanno contribuito a formare squadra, mentalità, progettualità e sono l’origine di questi risultati. Terminiamo il mondiale di Budapest con un bottino incredibile ed emozionante; si chiude una rassegna fantastica. I ragazzi erano pronti sia fisicamente sia tatticamente e ringrazio tutto lo staff il lavoro svolto. Hanno impostato tutte le gare in maniera perfetta”.

Pubblicità
Pubblicità

“Mi spiace per Barbara, fuori dal podio solo dietro alle favorite e specialiste della distanza, e per la dieci chilometri femminile su cui dobbiamo orientare ulteriori attenzioni. Agli Europei di Roma proveremo a confermarci. L’oro di Verani rappresenta l’impegno della federazione che sostiene con sforzi economici e logistici progetti che non coinvolgono solo campioni come Paltrinieri, ma anche ragazzi in evoluzione e di potenzialità. Si spende tanto, ma se i risultati sono questi sono giustificati. Il mio sogno? Quattro atleti alle Olimpiadi di Parigi”.

25 CHILOMETRI AZZURRA. In principio fu Sergio Chiarandini. Il romano classe 1968, ex velocista, conquistò un argento nella prima edizione della maratona della acque che si svolse a Perth nel 1991. Si partiva con acque salmastre e piene di meduse sulla West Coast e si arrivava in acque dolci nel fiume Swan: vinse l’americano Chad Hundeby, purtroppo venuto a mancare lo scorso anno.

Poi Valerio Cleri di Palestrina, che dominò le onde di Ostia ai mondiali di Roma 2009. Martina Grimaldi fu la prima donna a vincere nel porto olimpico di Barcellona nel 2013, mentre l’ultimo oro era quello nel fiume Kazanka di Simone Ruffini, che precedette proprio Matteo Furlan, terzo. A Gwangju l’ultimo metallo con Andrea Occhipini, che conquistò un bronzo misto di eroismo e stoicità dopo che a Yeosu passò un uragano dalle piogge torrenziali.

Lupa Lake / Nuoto in acque libere

25 KM MASCHILE
1. Dario Verani  5h02’21″5
2. Alex Reymond (Fra) 5h02’22″7
3. Peter Galicz (Hun) 5h02’35″4
7. Matteo Furlan  5h02’53″8

25 KM FEMMINILE 
1. Ana Marcela Cunha (Bra) 5h24’15″0
2. Lea Boy (Ger) 5h24’15″2 
3. Sharon Van Rouwendaal (Ned) 5h24’15″3
4. Barbara Pozzobon 5h24’16″03

LE MEDAGLIE IN ORDINE PROGRESSIVO (2 – 2 – 2)

4×1500 / 26 giugno
3. Italia 1h04’43″0*
con Ginevra Taddeucci, Giulia Gabbrielleschi, Domenico Acerenza e Gregorio Paltrinieri

5 km maschile / 27 giugno
2. Gregorio Patrinieri 52’52″7

5 km femminile / 27 giugno
3. Giulia Gabbrielleschi 57’54″9

10 km maschile / 29 giugno
1. Gregorio Paltrinieri 1h50’56″8
2. Domenico Acerenza 1h50’58″2

25 km maschile / 30 giugno
1. Dario Verani 5h02’21″5

Archivi

Categorie

di Tendenza