Connect with us logo La Voce del Trentino

La Sfera e lo Spillo

Roberto Mancini e Gianluca Vialli: l’abbraccio più bello

Pubblicato

il

Non è l’abbraccio tra il CT della Nazionale italiana e un suo illustre collaboratore, nemmeno un gesto d’affetto tra 2 ex compagni di squadra, ma un segno di fraterna amicizia che lega in maniera indissolubile i “gemelli del gol” Roberto Mancini e Gianluca Vialli.   

L’Austria gioca una partita gagliarda, tosta e maschia. La squadra di Franco Foda esercita un pressing feroce e asfissiante in tutte le zone del campo, spegne le fonti del gioco azzurro nel mezzo e tampona le corsie laterali.

Si corre, si lotta su ogni pallone. La condizione atletica degli austriaci è intensa e invidiabile, si difendono attaccando la metà campo azzurra con raziocinio e organizzazione. E’ una contesa difficile, fisica e complicata.  

Gli italiani soffrono in trincea l’aggressività dei biancorossi, faticano a organizzare il possesso palla e i fraseggi consueti sulla mediana. Nei corridoi gli Azzurri non sfondano e subiscono qualche pericolosa ripartenza.  

La truppa di Mancini gioca con il cuore, attaccandosi all’orgoglio, rimanendo in partita nonostante le difficoltà e la forza atletica degli avversari.  

Lo score tra Austria e Italia è inchiodato sul pareggio a reti bianche (0-0). Si va ai supplementari.

Il lancio illuminato è di Spinazzola e Federico Chiesa con un’azione svelta e scaltra trafigge il portiere Bachmann (al minuto 95) scaricando con vemenza il pallone nel sacco austriaco, una liberazione.

E’ in quel preciso momento che Gianluca Vialli, con scatto felino, lascia la panchina azzurra e si dirige verso Roberto Mancini, collocato ai limiti dell’area tecnica del green, abbracciandolo con vivida emozione.

Un gesto semplice e autentico che manda in visibilio il popolo azzurro, i connazionali presenti al catino londinese di Wembley e quelli sintonizzati alla tv.

Tutto si ripete in fotocopia 10 minuti più tardi, quando il monzese Matteo Pessina segna il raddoppio, incrociando il tiro mancino nell’angolino dove Bachmann non può arrivare.

Roberto Mancini e Gianluca Vialli: l’abbraccio più bello

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di Tendenza