Connect with us logo La Voce del Trentino

Basket

Un’agguerrita Aquila Basket domina la partita contro il Lokomotiv Kuban

Pubblicato

il

Al via mercoledì 20 gennaio 2021  la seconda giornata delle Top 16 del Gruppo F di 7DAYS EuroCup: sono scesi in campo alle 20:00 alla BLM Group Arena di Trento la Dolomiti Energia Trentino ed il Lokomotiv Kuban Krasnodar.

I bianconeri vincono il Round 2 di Top 16 in 7DAYS EuroCup tirando fuori dal cilindro una prestazione pazzesca: un primo tempo ai limiti della perfezione, un ultimo quarto di carattere e durezza dopo la super rimonta dei russi. Mattatore del match Luke Maye, che chiude con 25 punti e 15 rimbalzi .

Una vittoria di cuore, talento e sostanza, una prestazione con alti e bassi ma con la costante di un’intensità clamorosa: la Dolomiti Energia Trentino batte il Lokomotiv Kuban Krasnodar 96-84 nel Round 2 di Top 16 EuroCup e strappa il primo successo nella seconda fase della coppa. 

Contro la corazzata russa i bianconeri sfoderano 40’ di alto livello di intensità, volando via nel corso della prima metà di partita e poi resistendo strenuamente alla rimonta dei fenomenali russi: nell’ultimo quarto la sfida la risolve uno scatenato Luke Maye, che segna gli ultimi 11 punti della partita e che chiude il match con una sontuosa doppia-doppia da 25 punti e 15 rimbalzi. 

In un girone ancora tutto da scrivere, Trento ha reso il Lokomotiv l’unica squadra senza vittorie dopo i primi due turni: a guidare il gruppo c’è il Boulogne Metropolitans 92 (2-0) seguita da Partizan Belgrade e Dolomiti Energia (1-1). I bianconeri giocheranno i prossimi due match proprio i francesi, prima a Parigi (martedì 26) e poi in casa (martedì 2 febbraio): impegni determinanti per l’Aquila per andare concretamente a caccia di uno storico pass per i quarti di finale di coppa. 

La Dolomiti Energia Trentino si presenta con un primo quarto sfavillante in cui mostra tutto il suo potenziale in attacco e in difesa: Browne e Williams suonano la carica (8-2), Maye prolunga il buon momento con quattro punti consecutivi di talento purissimo (14-6 e timeout Pashutin). Il “Loko” prova a mettersi in partita con il talento di Kuzminskas e Crawford, ma si stampa contro la solidissima difesa di Trento, che anche grazie a due triple di Browne e del solito Maye (nove punti e sei rimbalzi nel solo primo quarto) chiude forte il primo quarto (27-12). 

Il vantaggio dei bianconeri lievita fino al +24 (41-17, due triple consecutive di Morgan), la Dolomiti Energia tira 12/13 da due e con un Williams scoppiettante mette in crisi la difesa russa, presa di infilata da tutte le parti. Il primo tempo va in archivio sul 61-39 al termine di 20’ ai limiti della perfezione per i ragazzi di coach Nicola Brienza. 

Kuban reagisce di orgoglio in avvio di terzo quarto con i punti di Crawford e Kalnietis e la difesa di Hervey (61-44): Williams segna quattro punti importanti e Browne inventa una grande tripla dal palleggio, ma l’ondata biancorossa avanza inesorabile grazie alle magie offensive del solito Crawford e dell’ex di serata Cummings. I russi tirano fuori 10’ di fuoco chiusi da una schiacciata di Hervey che vale il 74-71 con cui si entra nel quarto periodo.  

Il Loko mette il fiato sul collo ai bianconeri, ma Trento ritrova ordine e pazienza: una tripla di Morgan firma il 78-73, la difesa dei trentini tiene lontani dal ferro gli attaccanti russi. Una “lacrima” di Forray e due liberi di Ladurner tengono a +5 l’Aquila a 4’ dalla fine, dopo i tiri liberi di Morgan dell’85-79 comincia il “Luke Maye Show”. Una tripla, due canestri da sotto, quattro tiri liberi: il Loko alza bandiera bianca, è festa Dolomiti Energia.

Trento (96): Williams 17; Browne 12; Forray 9; Ladurner 4; Maye 25; Conti 0; Morgan 14; Sanders 10; Mezzanotte 3; Pascolo 2; Martin DNP; Jovanovic DNP
Lokomotiv Kuban Krasnodar (84): 
Lynch 5, Kalnietis 11, Crawford 20, Kuzminskas 12, Hervey 10, Martiuk 2, Cummings 13, Motovilov 4; Ilnitskiy 7, Kalinov DNP, Dolinin DNP, Emchenko 0
(27-12; 34-27; 13-32; 22-13)

ARBITRI: Carlos Cortes, Ingus Baumanis, Denis Hadzic.

Le parole di coach Nicola Brienza «Siamo molto felici per questa vittoria, abbiamo giocato una buona pallacanestro ma soprattutto abbiamo lottato per tutti i 40′: dobbiamo continuare così. La cosa che mi rende più contento è stata l’intensità difensiva che abbiamo messo in campo nel primo tempo: certo, segnare 61 punti aiuta e siamo stati bravi a concretizzare i nostri sforzi, ma il nostro approccio e il nostro primo tempo sono stati da squadra di alto livello. La cosa fondamentale per andare oltre alla mancanza di risultati è lavorare, crederci e andare avanti uniti come squadra. Ecco perché dopo la reazione del Lokomotiv, la nostra reazione è stata ancora più bella e decisiva: con la partita tornata equilibrata nel punteggio abbiamo stretto le maglie difensive e strappato di cattiveria questa vittoria».

I bianconeri sabato saranno di scena all’Unipol Arena di Bologna, ospiti della UNAHOTELS Reggio Emilia di Dominique Sutton nel turno numero 17 di campionato: palla a due alle 19.00, diretta Eurosport Player.

Archivi

Categorie

di Tendenza