Connect with us logo La Voce del Trentino

La Sfera e lo Spillo

Mauro Bellugi: a Milano, su un campo di periferia, va in scena il primo Memorial

Pubblicato

il

E’ un Memorial, un torneo di calcio per ricordare l’indimenticato Mauro Bellugi, bandiera interista, del Bologna e della Nazionale italiana.

Ieri sera, 4 giugno, nel centro sportivo del GS Villa 1969, in Via Ussi, nella periferia della metropoli milanese, a un passo del quartiere universitario della Bicocca, si sono ritrovati gli “amici” del “Leone di Wembley”.

E’ un evento che riunisce i vecchi cuori, un’iniziativa nel segno del roccioso difensore toscano.

Bellugi aveva una spiccata personalità: estremamente schietto, ruvido e sincero, un personaggio alla mano, disponibile, che non faceva pesare la sua notorietà.

I giovani lo rammenteranno in veste di opinionista zelante e focoso, volto storico nelle trasmissioni sportive a Telelombardia e successivamente a 7Glod. La sua innata sportività e lealtà erano le tracce autentiche, di un calcio romantico e appassionato.

Quelli dai capelli brizzolati rievocheranno le gesta del “ragazzo di Siena”, protagonista con la maglia azzurra al mondiale del 1978 e convocato nel campionato europeo del 1980.

Il 1° Memorial Maurio Bellugi è un tramonto da condividere di natura benefica, l’incontro ristretto di emozioni e passioni. Il nobile spirito degli organizzatori racchiude la memoria, l’affetto e l’altruismo, parole che lassù anche l’uomo di Buonconvento avrebbe condiviso.

I familiari di Bellugi, la moglie Loredana Zucchi e la figlia Giada, erano presenti a bordo campo.  

Molti i volti noti presenti alla kermesse, a cominciare da Bedy Moratti e gli ex giocatori dell’Inter: Ivano Bordon, Beppe Baresi, Nazzareno Canuti, Carlo Muraro, Graziano Bini, Silvano Fontolan, Alessandro Scanziani, Giuseppe Bergomi  Riccardo Ferri e lo zar Pietro Vierchowod, solo per citarne alcuni.

L’avvenimento, squisitamente sportivo, è un triangolare tra il Gruppo Lombardo Giornalisti Sportivi, Bindun, le vecchie glorie nerazzurre, e Mitica, Nazionale italiana dei guariti della leucemia con selezione All Blacks, il fischietto delle partite è affidato ad Angelo Bonfrisco (ex arbitro di Serie A).

Numerosi, oltre a gente comune, i giornalisti presenti nel parterre: da Giulio Mola che si è prodigato nell’organizzazione dell’evento a Giovanna Martini (emozionante il suo pensiero durante il rito delle premiazioni), Filippo Grassia e Carlo Pellegatti, sino agli interisti Lapo De Carlo e Gianluca Rossi.

Mauro Bellugi: a Milano, su un campo di periferia, va in scena il primo Memorial.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di Tendenza