Connect with us logo La Voce del Trentino

News

Matteo Bertè ed Elisa Zendri, sportivi alensi di successo

Pubblicato

il

Lo sport vive momenti difficili, a causa della pandemia, manca soprattutto quel valore aggiunto delle gare e degli allenamenti, che è la socialità e l’amicizia tra persone.

A questa assenza hanno voluto sopperire il Comune e la biblioteca di Ala, che hanno inaugurato martedì scorso un ciclo di videoconferenze con gli sportivi alensi. I primi protagonisti sono stati i giovani Matteo Bertè, motociclista, e Elisa Zendri, atleta poliedrica.

L’incontro-intervista, condotto dalla responsabile della biblioteca comunale Elena Corradini in videoconferenza e trasmesso in diretta Facebook, è stato voluto dall’amministrazione, in particolare dal consigliere delegato allo sport Stefano Deimichei; presente anche il sindaco Claudio Soini.

Elisa Zendri, 25 anni, dopo delle prime esperienze nel kick boxing, gareggia nel nuoto, nello sci e nell’atletica, disciplina nella quale ha conseguito risultati eccellenti. Zendri ha vinto infatti due titoli italiani (nei 60 metri e nel salto in lungo) ai campionati paralimpici di atletica indoor disputatisi ad Ancona a gennaio 2020, per citare come esempio gli allori più prestigiosi.

Matteo Bertè. Motociclista di 19 anni, è portacolori del MotoClub Ala e gareggia nella categoria 600 cc con la sua Kawasaki; ha preso parte al campionato italiano e nelle gare del mondiale e dell’europeo e ora si accinge ad iniziare una nuova stagione.

Elisa Zendri, ha raccontato, è in attesa delle prossime gare: quest’anno dovrebbero tenersi in Sardegna i nazionali di atletica paralimpica. Attualmente si allena allo stadio Quercia di Rovereto (gareggia per l’Us Quercia). La sua esperienza sportiva era iniziata a 18 anni con il kickboxing, nel quale era arrivata sino alla cintura arancione.

Ora si dedica a tre discipline diverse – anche il nuoto e lo sci, nel quale gareggia con la Monte Bondone. L’atletica resta lo sport che le piace di più. E non vede l’ora di riprendere le gare. Con il lockdown del 2020 le attività si interruppero, e gli allenatori le diedero dei programmi da seguire a casa. L’atletica ha ripreso – almeno con gli allenamenti – lo scorso maggio, non ancora le gare; il nuoto è invece rimasto bloccato a causa della chiusura delle piscine. Ma non è solo una questione di sport: per Elisa Zendri amicizie, la dedizione degli allenatori e l’amore della famiglia che la segue sono grandi valori, che la convincono a continuare anche nel futuro.

Matteo Bertè si è invece seduto per la prima volta su una moto (una minimoto) all’età di 3 anni, e da allora non è più sceso di sella. A sette anni la sua prima gara, con un lusinghiero 4° posto nel campionato italiano, ha dato avvio alla carriera nel motociclismo velocità. È uno sport che gli dà parecchie soddisfazioni, con varie vittorie e piazzamenti, ma che anche costa sacrifici. I circuiti delle gare si trovano a 300 km (se non di più) dalla casa di Ala, e quindi si allena con la bicicletta, la corsa, in palestra e con il motocross. Approdato da due anni nei circuiti del MotoGp, ora il suo obiettivo è riuscire a vincere un mondiale.

“Elisa e Matteo sono due delle “punte di diamante” dello sport ad Ala – ha detto il sindaco Claudio Soini – e sono testimoni dei valori dello sport. Uno sport che da un anno a questa parte va avanti monco per via della pandemia”.

Concetti ribaditi anche dal consigliere delegato alle attività sportive Stefano Deimichei: “Lo sport è vita, e costruisce amicizie e rapporti duraturi. Speriamo, anche per questo, di superare l’emergenza sanitaria e tornare alle competizioni”. L’incontro-intervista con Elisa Zendri e Matteo Bertè non è che il primo di un ciclo di appuntamenti dedicati allo sport che Ala organizzerà in vista dell’attesissimo arrivo del Giro d’Italia alla Sega di Ala, previsto per il 26 maggio.

Archivi

Categorie

di Tendenza