Connect with us logo La Voce del Trentino

La Sfera e lo Spillo

Lautaro e Barella spingono l’Inter

Pubblicato

il

Lo stadio Giuseppe Meazza è il palcoscenico nel match della domenica all’ora di pranzo. I nerazzurri sono reduci dal pareggio pirotecnico contro il Barcellona al Camp Nou.

L’ATMOSFERA

Pubblicità
Pubblicità

Tra le luci del Duomo ambrosiano, domenica 16 settembre 2022 (ore 12.30), il cielo è nuvoloso, il manto erboso è in buone condizioni e la temperatura di 21 gradi centigradi.

L’ARBITRO

Il fischietto dell’incontro è affidato a Juan Luca Sacchi della Sezione AIA di Macerata.

Gli assistenti sono Rossi L. e Di Gioia, quarto uomo Piccinini, al VAR Marini, assistente VAR Giallatini.

LA DISTINTA

Le formazioni ufficiali:

Simone Inzaghi disegna il modulo 3-5-2 senza Lukaku

INTER: Onana; Skriniar, De Vrij, Acerbi; Dumfries (89’ Bellanova), Barella, Calhanoglu (89’ Darmian), Mkhitaryan (72’ Aslani), Dimarco (63’ Gosens); Lautaro, Dzeko (72’ Correa)

Davide Nicola risponde con il 5-3-2 e l’ex rossonero Piatek collocato di punta

SALERNITANA: Sepe; Candreva, Gyomber, Daniliuc, Pirola (82’ Sambia), Mazzocchi (82’ Bronn); Kastanos (60’ Valencia), L. Coulibaly, Vilhena (76’ Bohinen); Dia, Piatek (60’ Bonazzoli)

IN DIRETTA

La partita è trasmessa in diretta su DAZN, telecronaca è di Gabriele Giustiniani e il commento tecnico di Dario Marcolin (ex tecnico di Monza, Modena, Padova, Catania e Avellino).

SPUNTI DI CRONACA   

I primi dieci minuti sono di studio e di schermaglie.

Lautaro Martinez sblocca lo score con un fendente destrorso che s’infila alla sinistra di Sepe. L’Inter è avanti dopo 13 minuti.

Kastanos spaventa Onana con un tiro mancino che si spegne sull’esterno della rete.

La Beneamata comanda il gioco e sfiora il raddoppio con Dzeko. Le ripartenze verticali sono la specialità della “casa meneghina”. Dzeko funge da boa avanzata e Lautaro si sfila tra le maglie dei campani.

Nel finale della prima frazione gli ospiti si affacciano nella metà campo nerazzurra impegnando il portiere Onana.

Dopo la ricreazione la ciurma di Simone Inzaghi amministra la gara con sagacia, concede qualche metro ma ricomincia con la consueta velocità e rapidità.

Sul calcio di punizione Lautaro si avvita e spedisce sopra il montante del portiere Sepe.

L’inserimento di Nicolò Barella al minuto 57 è letale. Il ragazzo di Cagliari buca il pacchetto arretrato di Davide Nicola e raddoppia.

L’azione dell’Inter è da manuale del calcio. Calhanoglu organizza il pressing e pennella la sfera, l’astuzia è di Mkhitaryan, Barella esegue uno stop magistrale e timbra il cartellino.

Sui titoli di coda Inzaghi programma la girandola delle sostituzioni preservando le forze fisiche e mentali.

Tre minuti di recupero poi il fischietto Sacchi manda tutti negli spogliatoi.

IL TABELLINO

Inter-Salernitana (2-0)

Reti: Lautaro Martinez (I) -al minuto 13-, 58’ Barella (I) -al minuto 58-

Ammoniti: Daniliuc (S)

Espulso:

UP and DOWN

Lautaro e Barella segnano e si scarificano per la squadra. Calhanoglu prende per mano i compagni e li guida alla vittoria. La Salernitana gioca una partita onesta, ma battere l’Inter di questi tempi occorre un’altra prestazione in termini di intensità e coraggio.

-RISULTATI del sabato

Empoli-Monza (1-0)

Torino-Juventus (0-1)

Atalanta-Sassuolo (2-1)

Lautaro e Barella spingono l’Inter.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

Archivi

Categorie

di Tendenza