Connect with us logo La Voce del Trentino

Nuoto

Europei di Roma. Azzurri avanti tutta, aspettando Greg. Finali dalle 18

Pubblicato

il

Due pass per le finali e otto per le semifinali nella terza sessione di batterie dei XXXVI campionati europei di Roma, in svolgimento fino a mercoledì 17 agosto allo Stadio del Nuoto. 

Aprono il programma i 200 stile libero. Si qualificano per la semifinale con il dodicesimo e il quattordicesimo tempo Antonietta Cesarano e Alice Mizzau. La 19enne di Napoli – tesserata per Assonuoto Club Caserta, allenata da Andrea Sabino – tocca con la seconda prestazione personale di sempre in 2’00”44 (best 1’59”39); la 29enne di Udine ma emiliana d’adozione – tesserata per Fiamme Gialle e Vis Sauro Nuoto e seguita da Luca Corsetti – in 2’00”67.

Eliminate Noemi Cesarano (Assonuoto Club Caserta) diciassettesima in 2’01”56 e Linda Caponi (Carabinieri) diciottesima in 2’01”81. La migliore è la tedesca Isabel Gose, argento ieri negli 800 vinti da Simona Quadarella, in 1’59”17.

Semaforo verde nei 100 farfalla per un eccellente Matteo Rivolta e un Federico Burdisso in fase di carburazione. Il 31enne meneghino – tesserato per Fiamme Oro e CC Aniene, preparato da Marco Pedoja, campione del mondo in vasca corta – nuota in 51”90 che vale il quinto riscontro cronomentrico: “Mi sto godendo le ultime stagioni, so già che non avrò un futuro in questo mondo però voglio divertirmi fino alla fine”.

Una posizione dietro c’è il 21enne pavese – tesserato per Esercito e Aurelia Nuoto, allenato da Simone Palombi, vice campione europeo in carica e bronzo olimpico nella doppia distanza – in 51”95. Stop per il primatista italiano (50”64) Piero Codia (Esercito/CC Aniene) decimo, ma terzo degli azzurri tra i sedici, in 52”26 e Lorenzo Gargani (CUS Udine) ventesimo in 52”84. Comanda lo svizzero e bronzo olimpico Noe Poenti in 51”56.

Convincenti e ambiziose le azzurre nei 50 dorso. Le porte della semifinale si spalancano per una super Silvia Scalia e una sempre puntuale Costanza Cocconcelli, che stampano rispettivamente il secondo e il dodicesimo crono. Impressiona la 27enne di Lecco – tesserata per Fiamme Gialle e Team CC Aniene, allenata da Matteo Giunta – che nuota in 27”71, preceduta solo dalla francese Analia Pigree (27”53), a sei centesimi dal suo record italiano (27”65); la 20enne di Bologna – tesserata per NC Azzurra 91, preparata dal tecnico federale Fabrizio Bastelli, agli eurojrs di Kazan 2019 oro nei 50 stile libero, argento con la 4×100 mista e bronzo nei 50 dorso – chiude in 28”42. Out Federica Toma (Carabinieri/In Sport Rane Rosse) in 28”56.

En plein anche nei 200 rana con Luca Pizzini e Andrea Castello che accedono in semifinale. Al mattino guida il ceco Matej Zabojnik in 2’11”16, ma i due azzurri non sfigurano. Il 33enne scaligero che a novembre diventerà padre di un bimbo – tesserato per Carabinieri e Fondazione Bentegodi, allenato da Giunta e detentore della migliore prestazione italiana in tessuto (2’08”52) – conclude in 2’12”72; il 24enne emiliano – tesserato per Esercito ed Imolanuoto, allenato da Cesare Casella – in 2’13”88 quanto basta per qualificarsi alla prima semifinale europea della carriera.

In chiusura di mattinata Ilaria Cusinato e Sara Franceschi tirano fuori le unghie, strappano il pass per la finale dei 400 misti, aprendosi scenari da sogno. La 22enne di Cittadella – tesserata per Fiamme Oro e Team Veneto, allieva di Matteo Giunta e bronzo europeo a Glasgow 2018 – nuota il terzo tempo in 4’44”89.

Pubblicità
Pubblicità

“Per stamattina va bene. Ho avuto prblemi alla caviglia in stagione e non riesco ad estendere bene il piede nel dorso ma sono fiduciosa”; la 21enne di Livorno – tesserata per Fiamme Gialle e Livorno Aquatics, seguita dal papà Stefano – il quinto in 4’45”55. Sorride anche Franceschi: “L’importante era essere tra le migliori otto. In finale cambia tutto, sicuramente dovrò andare più forte”.

Tra le due azzurre c’è l’Iron Lady Katinka Hosszu (4’45”07), che, terza tra le magiare resta clamorosamente fuori dalla finale e non potrà difendere il titolo di Budapest 2021. Davanti a tutte, infatti, ci sono Viktor Mihalyvari Farkas in 4’41”01 e Zsuzanna Jakabos in 4’41”30. 

Così gli azzurri nelle batterie della 3^ giornata
Sabato 13 agosto

200 stile libero fem
RM-RE-RI 1’52”98 di Federica Pellegrini del 29/07/2009 a Roma
Migliore prestazione in tessuto 1’54″55 di Federica Pellegrini del 26/06/2016
1. Isabel Gose (Ger) 1’59”17
12. Antonietta Cesarano 2’00”44 qual. in semifinale
14. Alice Mizzau 2’00”67 qual. in semifinale
17. Noemi Cesarano 2’01”56 eliminata
18. Linda Caponi 2’01”81 eliminata

100 farfalla mas
RI 50”64 di Piero Codia del 09/08/2018 a Glasgow
1. Noe Ponte (Sui) 51”56
5. Matteo Rivolta 51”90 qual. in semifinale
6. Federico Burdisso 51”95 qual. in semifinale
10. Piero Codia 52”26 eliminato 
20. Lorenzo Gargani 52”84 eliminato

Pubblicità
Pubblicità

50 dorso fem
RI 27”65 di Silvia Scalia del 21/06/2022 a Budapest
1. Analia Pigree (Fra) 27”53
2. Silvia Scalia 27”71 qual. in semifinale
12. Costanza Cocconcelli 28”42 qual. in semifinale
17. Federica Toma 28”56 eliminata

200 rana mas
RI 2’08”50 di Loris Facci del 30/07/2009 a Roma
Migliore prestazione in tessuto 2’08”52 di Luca Pizzini del 05/08/2018 a Glasgow
1. Matej Zabojnik 2’11”16
10. Luca Pizzini 2’12”76 qual. in semifinale 
14. Andrea Castello 2’13”88 qual. in semifinale 

400 misti fem
RI 4’34”34 di Alessia Filippi del 10/08/2008 a Pechino
Migliore prestazione in tessuto 4’34”65 di Ilaria Cusinato del 30/06/2018 a Roma
1. Viktor Mihalyvari Farkas (Hun) 4’41”01
3. Ilaria Cusinato 4’44”89 qual. in finale
5. Sara Franceschi 4’45”55 qual. in finale

Archivi

Categorie

di Tendenza