Connect with us logo La Voce del Trentino

Pista

Rovereto, apertura: Lorenzo Ianes, partenza lanciata

Pubblicato

il

A Rovereto si è disputata la Riunione di Apertura della stagione 2021 su pista, appuntamento organizzato dall’Us Quercia Trentingrana allo stadio Quercia di Rovereto che ha registrato la presenza di 400 atleti iscritti.

Lorenzo Ianes alza già la voce nei 150 metri, imitato al femminile da Petra Nardelli. Giovanetti e Tecuceanu nei 2000 metri, Nkeonye vincente nel lungo.

E’ di Lorenzo Ianes il primo squillo stagionale dell’atletica trentina. Il ventenne duecentista trentino che da quest’anno veste in prestito i colori dell’Athletic Club ’96 Alperia di Bolzano è stato tra i principali protagonisti della Riunione di Apertura allestita dall’Us Quercia Trentingrana allo Stadio Quercia di Rovereto, con la vittoria nei 150 metri a suon di nuovo personale con il 15”81 (vento -0,6 m/s) che gli ha consentito di precedere con margine Leonardo Teruzzi (Us Quercia Trentingrana, 16”58).

“Un esordio positivo, che mi rincuora dopo un 2020 difficile sotto molti punti di vista – sono state le parole del figlio d’arte, cresciuto nell’Atletica Trento presieduta dal padre Andrea – per quanto mi riguarda è stata un’importante iniezione di fiducia, in vista del resto della stagione che proporrà come obiettivo principale i Campionati Italiani Assoluti in programma a fine giugno proprio qui a Rovereto e poi gli Europei Under 23 in cui mi piacerebbe entrare nella finale dei 200 metri”. Sulla stessa distanza, al femminile, vittoria per la bolzanina Petra Nardelli (Südtirol Team Club) con un altrettanto positivo 17”96.

Meno fortunata invece la domenica di Irene Baldessari (Esercito), attesa a sua volta al debutto stagionale dopo l’eccellente parentesi indoor. L’azione della ventottenne di Fraveggio si è però interrotta poco prima della metà dei 600 metri, per un fastidio muscolare al tibiale posteriore che le ha suggerito di fermarsi onde non incorrere in guai più seri. Ad imporsi è stata così l’altoatesina Caren Agreiter (Ssv Bruneck) in 1’34”58 mentre al maschile a fare la voce grossa è stato il veronese Alessandro Dal Ben (Expandia Atletica Insieme Verona, 1’18”91).

In chiave trentina, prezioso anche il successo della figlia d’arte Luna Giovanetti (Atletica Valle di Cembra) nei 2000 metri in 6’28”60 in volata sulla veronese Agnese Carcano; prezioso il 5’18”74 con cui il veneto Catalin Tecuceanu ha invece firmato i 2000 metri maschili davanti ai due portacolori dell’Us Quercia Trentingrana Giovanni Gatto (5’22”41) ed il più giovane Simone Valduga (5’37”06). Doppietta vicentina nei 300 metri femminili, con Alice Muraro (38”83) a precedere Zoe Tessarolo (39”55) con il terzo posto della sedicenne aquilotto Nancy Demattè (Atletica Trento), 39”79.

Per quanto riguarda i concorsi, molto interessante i 4 metri valicati nell’asta dalla ventenne venusiana Nathalie Kofler (Ssv Lana Raika) mentre nel lungo si è messo in evidenza l’altro classe 2001 Destiny Nkeonye (Atlhetic Club 96 Alperia) con 7,22 davanti al valsuganotto Simone Fedel (Us Quercia Trentingrana, 6,75).

Notevole la presenza di atleti, con circa 400 iscritti in una giornata che nel pieno rispetto del protocollo di sicurezza ha permesso di respirare l’atmosfera di quasi normalità, viatico ideale per iniziare nel migliore dei modi la nuova stagione dell’atletica trentina.

Soddisfazione espressa anche dal presidente del Comitato FIDAL Trentino, Dino Parise, alla prima uscita ufficiale dopo l’elezione di inizio marzo. “Per me si tratta di una forte emozione, sia dal punto di vista personale, sia nel vedere un meeting così partecipato e con tanto entusiasmo. Proprio per questo mi sento di ringraziare la società organizzatrice per l’impegno profuso in campo. Per quanto riguarda il lavoro del Comitato FIDAL Trentino, il nostro impegno è quello di provare a fare sempre di più e soprattutto sempre meglio, offrendo a tutte le realtà del territorio un supporto più utile possibile per la crescita continua dell’intero movimento”.

Archivi

Categorie

di Tendenza