Connect with us logo La Voce del Trentino

Volley

Mercoledì in Turchia il quarto impegno nella Pool E di 2022 CEV Champions League: la guida a Fenerbahce Istanbul-Trentino Itas

Pubblicato

il

La 2022 CEV Champions League torna in campo durante l’ultima settimana di gennaio per disputare il quarto turno della Main Phase, il primo del girone di ritorno.

Mercoledì 26, in Turchia, la Trentino Itas inizierà la fase discendente della Pool E in casa del Fenerbahce HDI Istanbul. Fischio d’inizio programmato per le ore 17 italiane (le 19 locali) alla Burhan Felek Voleybol Salonu: diretta su Radio Dolomiti e discovery+.

Pubblicità
Pubblicità

QUI TRENTINO ITAS La formazione gialloblù affronta la prima gara in trasferta dell’anno solare 2022 (sino ad ora aveva giocato solo partite casalinghe, quattro consecutive) e lo deve fare senza poter contare su uno dei suoi giocatori più importanti, Srecko Lisinac. Il centrale serbo è rimasto a Trento perché risultato positivo all’ultimo tampone molecolare prima della partenza per la Turchia. Al suo posto giocherà quindi il belga Wout D’Heer in un appuntamento assolutamente da vincere per poter continuare a cullare sogni di qualificazione ai quarti di finale (a cui accedono le prime classificate dei cinque gironi e le tre migliori seconde).

“E’ una partita molto importante perché abbiamo molto da guadagnare – non si nasconde l’allenatore Angelo Lorenzetti – e a maggior ragione dispiace non poter avere con noi Lisinac ma scenderemo in campo con l’obiettivo di ottenere il successo pieno per consentire a Srecko di poter giocare tante altre partite in questa competizione. Dobbiamo essere pronti a una sfida completamente differente rispetto a quella giocata a metà dicembre a Trento; il Fenerbahce in casa è infatti squadra molto concreta e temibile. Forse non abbiamo molto ritmo di gioco nelle gambe, ma è anche vero che nelle ultime settimane abbiamo lavorato molto dal punto di vista fisico. Siamo carichi e pronti per una battaglia, come è giusto che sia”.

Il tecnico della Trentino Itas utilizzerà gli ultimi allenamenti prima del match, fra questo pomeriggio e mercoledì mattina, per sistemare gli ultimi aspetti tecnico-tattici in vista della partita internazionale numero otto della stagione gialloblù.

SETTIMA TRASFERTA IN TURCHIA DELLA STORIA DI TRENTINO VOLLEY Quella che ha preso il via lunedì mattina e si concluderà nel primo pomeriggio di giovedì (il rientro a Trento è infatti previsto attorno alle ore 15 del 27 gennaio) è la settima trasferta di sempre in Turchia per Trentino Volley, che è tornata ad Istanbul a due anni di distanza dall’ultima volta: il 30 gennaio 2020 i gialloblù giocarono e vinsero per 3-1 proprio qui una partita simile nella fase a gironi della Pool A di Champions League.

Il precedente più significativo resta comunque quello del 26 marzo 2019, quando sempre al Burhan Felek Voleybol Salonu i gialloblù conquistarono la CEV Cup grazie al successo al tie break sul Galatasaray. Nella popolosa metropoli il Club gialloblù aveva disputato un match anche il primo marzo 2017 (sconfitta per 2-3 contro il Fenerbahce nella gara di ritorno di semifinale di 2017 CEV Cup). L’esordio assoluto in terra turca avvenne addirittura il 15 dicembre 2004, quando l’allora Itas Diatec Trentino disputò ad Ankara il ritorno degli ottavi di Coppa CEV, uscendo sconfitta per 1-3 e quindi eliminata dalla competizione. La sfida rappresenterà la 190a partita internazionale della storia di Trentino Volley, l’108a di sempre in Champions League in cui ha ottenuto in ben 84 precedenti la vittoria.

GLI AVVERSARI Il Fenerbahce HDI Istanbul attende la visita della Trentino Itas ben sapendo che quella di mercoledì sarà l’ultima occasione per provare a restare in corsa per il secondo posto nella Pool E della competizione. La squadra di Daniel Castellani arriva a questo appuntamento subito dopo una sconfitta casalinga in campionato, rimediata in quattro set per 1-3 con il Tokat dell’ex gialloblù Teppan (25 punti) che però non ha modificato la buona impressione mostrata dai gialloneri nella prima parte del torneo, in cui sin qui hanno totalizzato dodici vittorie in sedici partite e 36 punti (terzo posto a meno 6 da Ankara).

La storica squadra della principale polisportiva di Istanbul ha investito in questo sport soprattutto negli ultimi due decenni, garantendosi la presenza in rosa di diversi giocatori stranieri che in precedenza erano stati per tanti anni protagonisti nel campionato italiano.

Assieme al francese Louati (ex Padova e Monza) e al centrale iraniano ex Piacenza Mousavi, si parla anche dell’arrivo del palleggiatore Marouf (ex Siena), che potrebbe ulteriormente rimpinguare la truppa di atleti già visti nella nostra SuperLega. La rosa del Fenerbahce HDI Istanbul: 1. Kaan Gurbuz (o), 4. Yacine Louati (s), 5. Hasan Yesilbudak (l), 6. Seyed Mousavi Eraghi (c), 7. Ahmet Tumer (c), 8. Izzet Unver (s), 9. Burak Mert (l), 10. Emre Batur (c), 11. Taha Erden (s), 13. Salvador Hidalgo Oliva (s), 14. Hasan Sikar (c), 15. Metin Toy (o), 16. Ogulcan Yatgin (p), 17. Muhammet Kaya (p), 19. Bora Jozef Stanicki (s), 20. Doruk Daioglu (l). Allenatore Daniel Castellani.

LA SITUAZIONE DELLA POOL E Il match di mercoledì a Istanbul aprirà il girone di ritorno della Pool E e sarà anche l’unico da giocare effettivamente nel quarto turno, tenendo conto che, causa numerosi casi positivi al Covid-19 nel gruppo squadra del fanalino di coda Cannes, il match programmato per giovedì sera a Perugia non si giocherà (vittoria a tavolino per 3-0 per la Sir Sicoma Monini).

Il girone è quindi condotto sin qui a punteggio pieno dagli umbri (quattro vittorie per 3-0). La Trentino Itas è seconda con sei punti (2 vittorie) e deve vincere il match in Turchia per rintuzzare il tentativo di aggancio del Fenerbahce (1 affermazione). Fra l’8 ed il 10 febbraio la quinta giornata, che sarà caratterizzata dal derby italiano da giocare alla BLM Group Arena proprio giovedì alle 19.30.

I PRECEDENTI Con il match di mercoledì diventeranno sei i confronti ufficiali fra le due Società, sfidatesi in precedenza in un doppio turno di semifinale di 2017 CEV Cup, un doppio turno di 2020 CEV Champions League oltre che nel match d’andata di questa edizione di Champions League (chiuso per 3-0 per Trento lo scorso 16 dicembre). Il bilancio è di 4-1 per i gialloblù, che vinsero in casa anche il 28 marzo 2017 in appena tre set, persero solo al tie break ad Istanbul il confronto disputato il primo aprile 2017 e poi vinsero per 3-1 anche l’ultimo precedente in Turchia (30 gennaio). Contro compagine turche il Club di via Trener vanta complessivamente quattordici precedenti, tenendo conto anche delle cinque gare giocate contro Izmir (tutte vinte), delle due affrontate contro l’Halkbank Ankara (entrambe perse) e delle due col Galatasaray (entrambe vinte): il bilancio complessivo è di undici vittorie e tre sconfitte.

GLI ARBITRI La gara sarà diretta da Alexey Pashkevich, primo arbitro russo di Mosca, e da Ari Jokelainen, secondo arbitro finlandese di Rovaniemi. Entrambi vantano un solo precedente rispetto a Trentino Volley; Pashkevich diresse Civitanova-Trento 3-1 del 4 aprile 2018 (andata dei playoffs 6 di Champions) mentre Jokelainen arbitrò Trento-Tours 3-0 del 12 aprile 2017 – finale d’andata di CEV Cup.

RADIO ED INTERNET La partita verrà trasmessa in diretta di Radio Dolomiti, radio partner di Trentino Volley, a partire dalle ore 17. Le frequenze per sintonizzarsi sul network regionale sono consultabili sul sitowww.radiodolomiti.com, dove sarà inoltre possibile ascoltare la radiocronaca live in streaming.

Prevista anche la diretta in streaming video sulla piattaforma “discovery+”, acquistando il pacchetto “Intrattenimento + Sport” (abbonamento annuale al prezzo di 69,90 euro). Per maggiori informazioni www.discoveryplus.it/myaccount/products.

Su internet, inoltre, gli aggiornamenti punto a punto saranno curati dal sito della CEV (https://cevlive.cev.eu/DV_LiveScore.aspx?ID=46071), dallo stesso www.trentinovolley.it e saranno attivi anche sui Social Network gialloblù (www.trentinovolley.it/facebookwww.trentinovolley.it/instagram ewww.trentinovolley.it/twitter).

Archivi

Categorie

di Tendenza