Connect with us logo La Voce del Trentino

Calcio

Il Trento ritrova il sorriso, battuto il Fiorenzuola 1 a 0

Pubblicato

il

Dopo tre partite il Trento torna alla vittoria e lo fa battendo al Briamasco per 1 a 0 il Fiorenzuola. I ragazzi di Parlato erano chiamati a una reazione dopo la brutta sconfitta di domenica contro il Renate. I gialloblù, più nello specifico, arrivavano dal pareggio interno contro il Mantova e quello esterno contro la Pro Vercelli.
La risposta è arrivata, anche se nel primo tempo gli aquilotti hanno faticato più del previsto, soffrendo soprattutto l’alta intensità degli ospiti. Nella ripresa, però, dopo i cambi, il Trento è salito nettamente di ritmo, prendendo in mano il gioco. Dopo il gol di Simonti la squadra si è abbassata troppo e non è più riuscita a ripartire, ma l’ottimo lavoro della retroguardia difensiva ha permesso di portare a casa tre punti pesantissimi.

LA CRONACA DEL MATCH

L’inizio di partita non è dei più entusiasmanti. Entrambe le squadra, infatti, sono tatticamente ben messe in campo e non si lasciano spazi. Questa fase di studio dura fino al 13′, quando arriva la prima palla gol per gli ospiti: Tommasini, lanciato in porta da Palmieri, si trova a tu per tu con Cazzaro, ma l’attaccante si defila troppo e il suo tiro a incrociare non inquadra la porta, sfiorando il palo.

Questo primo quarto di gara è di marca ospite, che si rendono ancora pericolosi dalle parti di Cazzaro, questa volta con Mamona, che con un sinistro dal limite dell’area sfiora l’incrocio dei pali.

Dopo qualche minuto il Trento comincia a farsi vedere in avanti con Pattarello, che è abile a gestire il pallone sulla fascia e a servire Pasquato, il quale crossa sul secondo palo dove Izzillo, tutto solo, colpisce di testa ma non riesce incredibilmente a inquadrare lo specchio della porta.

Al 33′ è ancora Mamona a far tremare i tifosi gialloblù. Il numero 30 ospite riceva palla in area di rigore, si libera magistralmente di Trainotti e calcia di sinistro, ma ancora una volta il tiro non è preciso ed esce di poco alla sinistra di Cazzaro.

Nella ripresa il copione della partita cambia drasticamente. E’ il Trento che prende in mano le redini del gioco e, al 50′, va vicinissimo al gol del vantaggio con Pasquato: uno schema sbagliato su angolo del Fiorenzuola spalanca il contropiede gialloblù, con Pattarello che si fa tutto il campo e serve sulla corsa Barbuti che di prima crossa sul secondo palo dove l’ex Juve calcia al volo ma è strepitoso Battaiola a dire di no e tenere la partita sullo 0-0.

Più i minuti passano e più il Trento aumenta il ritmo, tenendo sempre il pallone tra i piedi. Al 63′, poi, la pressione dei padroni di casa viene ripagata: Caporali porta palla fino ai venti metri e serve, d’esterno, con il contagiri Simonti che calcia di prima intenzione, il tiro non è irresistibile ma Battaiola incredibilmente non riesce a bloccare la sfera che si insacca alle sue spalle.

Dopo il gol del vantaggio la formazione di Parlato abbassa il baricentro, cercando di tenere il risultato. La squadra, forse anche intimorita dall’ultima rimonta subita contro il Mantova, si schiaccia troppo nella sua area di rigore ma, comunque, non concede occasioni da gol al Fiorenzuola che, anzi, rischia di andare sotto 2 a 0 nell’unica ripartenza del Trento, quando al 91′ Pattarello incrocia dai 16 metri ma sfiora solamente il palo.

Dopo cinque minuti di recupero concessi dall’arbitro Crezzini di Siena, la partita si conclude e il Trento ritrova il sorriso, salendo in classifica a quota 12.

LE DICHIARAZIONI AL TERMINE DELLA PARTITA

Intervenuto al termine del match, il mister del Trento, Carmine Parlato, ha analizzato la vittoria: “Devo fare i complimenti al Fiorenzuola, che ha dimostrato di essere una grande squadra. Io faccio in modo di sistemare quello che c’è da sistemare durante la partita. I ragazzi hanno fatto fatica all’inizio, ma dopo sono riusciti a emergere, anche grazie ai cambi e al cambio di modulo. Nelle ripartenze siamo stati bravi. Nel calcio non è facile giocare dopo aver perso come abbiamo perso contro il Renate, ma i miei ragazzi sono stati bravi a reagire“.

Sull’ottima prestazione difensiva ha poi aggiunto: “Avevamo una delle migliori difese prima di domenica scorsa, ma non dobbiamo pensarci troppo. Ci è dispiaciuto, è vero, però dobbiamo anche fare i complimenti agli avversari. Oggi qualcosa ci siamo portati dietro all’inizio, ma abbiamo resistito e abbiamo battuto una grande squadra. Oggi abbiamo fatto tantissimo, ma ancora non abbiamo fatto niente“.

Anche il match winner di giornata, Simonti, ha commentato l’importante vittoria: “Sono molto contento del mio primo gol in Serie C e con la maglia del Trento, è un gol importante frutto di una bella azione. Il primo tempo abbiamo sofferto, ma lo abbiamo fatto da squadra. Questo ci ha aiutato e nel secondo tempo siamo entrati diversamente e siamo riusciti a portare a casa i tre punti”.

TABELLINO

RETE: 63′ Simonti

A.C. TRENTO 1921 (4-3-1-2): Cazzaro; Dionisi, Trainotti, Carini, Simonti; Caporali, Belcastro (52′ Nunes), Izzillo (61′ Ruffo Luci); Pasquato (87′ Scorza); Pattarello, Barbuti (52′ Galazzini). All. Parlato

U.S. FIORENZUOLA (4-3-3): Battaiola; Guglieri (69′ Dimarco), Cavalli, Ferri, Potop (69′ Danovaro); Zaccariello, Nelli (65′ Esposito), Palmieri; Mamona (69′ Oneto), Tommasini, Currarino (46′ Godano). All. Tabbiani

ARBITRO: Crezzini di Siena (Linari di Firenze e Marchese di Pavia)

NOTE: ammoniti Pattarello, Simonti, Nunes (T), Esposito (F)

Archivi

Categorie

di Tendenza