Connect with us logo La Voce del Trentino

Nuoto

Europei di Roma. Barelli. “Grazie ragazzi, grazie pubblico. Ci siamo emozionati”

Pubblicato

il

Ha cantato l’Inno di Mameli insieme ai suoi ragazzi e tutto il pubblico dello Stadio del Nuoto fino all’ultima gara, la finale della 4×100 mista uomini che l’Italia ha vinto con il record dei campionati di 3’28″46 (il precedente era della Gran Bretagna l’anno scorso a Budapest con 3’28″59).

Ha premiato personalmente Thomas Ceccon, Nicolò Martinenghi, Matteo Rivolta e Alessandro Miressi. Paolo Barelli, presidente della Federazione Italiana Nuoto, traccia il bilancio al termine delle gare di nuoto degli Europei di Roma, che hanno visto gli azzurri guidati dal direttore tecnico Cesare Butini conquistare 35 medaglie (13 d’oro, 13 d’argento e 9 di bronzo), che rappresentano il record dell’Italnuoto agli Europei (il precedente era di 27 a Budapest 2021, nel dettaglio 5, 9, 13).

Pubblicità
Pubblicità

L’Italia si è aggiudicata anche il Len Trophy con 1190 punti. “Desidero ringraziare questi splendidi atleti assurti a modello internazionale e fiore all’occhiello del nuoto italiano. Il record di medaglie è un plauso ai loro sacrifici e a quelli di tecnici e dirigenti e quindi delle società: fulcro dello sport italiano, garanzia di attività motoria che produce campioni e benessere per i cittadini di tutte le età. Invoco ed auspico una costante attenzione da parte delle istituzioni affinché le sostengano con misure idonee per assicurarne la ripresa e/o il prosieguo delle attività fortemente compromesse dalla pandemia e dai rincari energetici”.

“Senza il contributo prevalente di società e associazioni lo sport in Italia non esisterebbe e di conseguenza non esisterebbero neanche le medaglie internazionali, l’entusiasmo degli appassionati, l’emulazione che produce ciclicità di risultati e modelli positivi per i giovanissimi. Ringrazio il numeroso pubblico per averci seguito con un calore impressionante sia in tribuna, con continui sold-out, sia da casa. La spinta emotiva è stata enorme e si è rivelata una componente fondamentale per i successi conseguiti, oltre ad aver ripagato gli sforzi profusi da una macchina organizzativa che ha preparato un evento meraviglioso, esemplare. Conclusi nuoto e nuoto artistico, il campionato europeo continua con i tuffi, già aperti da medaglie italiane, lo spettacolo dei tuffi dalle grandi altezze e il nuoto in acque libere nel mare di Ostia”.

Archivi

Categorie

di Tendenza