Connect with us logo La Voce del Trentino

Basket

Dolomiti Energia Trentino, si torna in campo: sabato sera alla BLM Group Arena arriva Brescia

Pubblicato

il

Possibili quintetti
Trento
G – Gary Browne, G – Toto Forray, F – Kelvin Martin, F – Luke Maye, C – JaCorey Williams 
Brescia
G – Kenny Chery, G – David Moss, F – Drew Crawford, F – Christian Burns, C – Jeremiah Wilson

Dopo la mancata trasferta di Sassari e il rinvio della partita contro il Banco di Sardegna a data da destinarsi, la Dolomiti Energia Trentino ha ripreso il lavoro in palestra affrontando una settimana di allenamenti rigeneranti e intensi in vista del match contro Brescia di sabato sera. In una situazione di classifica in Serie A che vede 8 squadre compattate in 4 punti tra l’ultimo posto per i playoff e l’ultimo dell’intera graduatoria, i bianconeri sanno che da qui alla fine della stagione ogni partita sarà fondamentale per delineare le gerarchie di un campionato davvero imprevedibile. 

Contro Brescia, davanti a Trento proprio di quattro lunghezze, in palio ci sono due punti che sembrano valere doppio, anche perché i bianconeri nel match di andata al PalaLeonessa di erano imposti 73-80 e puntano a prendersi il vantaggio 2-0 nello scontro diretto in vista di un eventuale arrivo a pari punti in classifica. Non si sa mai! 

Tra le principali differenze rispetto alla Brescia affrontata a fine novembre c’è il nuovo allenatore dei biancoblù, quel Maurizio Buscaglia che sulla panchina di Trento si è seduto in ben 544 partite ufficiali fra campionati e coppe in 13 stagioni alla guida dell’Aquila Basket, con la quale è arrivato alla massima serie nel 2014. 

Non è la prima volta da “ex” per Buscaglia, che con Reggio Emilia l’anno scorso procurò una cocente delusione ai suoi vecchi tifosi (81-103). Subentrato in questa stagione a Vincenzo Esposito a guida della Germani, Buscaglia ha rivoluzionato il roster lombardo inserendo due lunghi di grande impatto fisico e tecnico come Darrall Willis (13 punti e 7 rimbalzi di media) e Jeremiah Wilson

L’energia contagiosa di Christian Burns e l’eleganza di un realizzatore puro come Drew Crawford sono solo alcune delle armi offensive di Brescia, che ha in Kenny Chery suo principale terminale offensivo in termini di punti e assist (12,0 e 3,0). 

Senza considerare i partenti Ristic e Cline, sono comunque cinque i bresciani in doppia cifra di media in Serie A, a dimostrazione del talento diffuso nel roster biancoblù capitanato dall’eterno Luca Vitali.  

Quella di sabato sera sarà la decima volta in cui Trento e Brescia si affronteranno in Serie A: la rivalità tra i due club affonda le sue radici nelle serie minori, in particolare in A2 dove le due squadre si incrociarono anche nella semifinale playoff 2013 (vittoria dell’allora Centrale del Latte 3-1). 

Nei nove incontri ai “piani alti” invece sono arrivati sette successi dei bianconeri, l’ultimo proprio nel match di andata al PalaLeonessa in cui a decidere la sfida fu uno scatenato Kelvin Martin da 19 punti e 10 rimbalzi con Wiliams e Maye fuori per infortunio. 

Alla BLM Group Arena il bilancio finora è 3-1 in favore di Trento: l’unico scalpo esterno di Brescia arrivò nel 2017 e fu segnato dai 17 punti di Dario Hunt. 

Archivi

Categorie

di Tendenza